CDM, 8 miliardi sul tavolo contro il caro bollette

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram

Via libera del Cdm all’unanimità al nuovo decreto contro il caro-bollette. In campo quasi 8 miliardi per fronteggiare il caro bollette. La cifra sarà ottenuta senza scostamenti di bilancio. Lo ha annunciato Mario Draghi in seguito al CDM che ha approvato il decreto all’unanimità. L’intervento diretto supera i 5,5 miliardi, ma si associano interventi volti a sostenere regioni e comuni.

Approvato anche un provvedimento per sostenere il settore automobilistico. Sono stati messi in campo quasi 8 miliardi di euro di cui 6 per l’energia. Gli interventi nel decreto hanno lo scopo di evitare che l’impatto dei prezzi dell’energia sia troppo negativo per la crescita. Il decreto comprende l’azzeramento degli oneri di sistema sia per i piccoli che per i grandi utenti, l’abbattimento dell’aliquota Iva sul gas al 5%, e la conferma della protezione dei 3,5 milioni di nuclei familiari con redditi bassi che godono del bonus bollette. Vengono poi replicati gli interventi per le imprese energivore, circa 4000, estendendolo anche alle imprese che autoproducono energia elettrica consumando gas.

“L’obiettivo del decreto è sostenere l’economia in questa fase difficile, abbiamo avuto una performance molto positiva nel 2021, ora vediamo un rallentamento dell’attività in Italia e altri Paesi connesso all’evoluzione dei prezzi dell’energia” precisa il presidente del Consiglio. “

Sì ci aspettiamo che i grandi produttori di energia condividano con il resto della popolazione il peso dei rincari dell’energia

, sul come ci stiamo riflettendo”. Lo ha detto il premier Mario Draghi in conferenza stampa rispondendo a chi gli chiede se il governo stia pensando di chiedere un contributo alle grandi aziende.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla Newsletter