Classifica delle aziende tech piu ricche dopo la pandemia

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Le aziende tech piu ricche dopo la pandemia

La pandemia da Covid-19 ha destabilizzato i mercati mondiali, causando per la gran parte della popolazione mondiale, una crisi economica senza precedenti. Non esistono paesi maggiormente colpiti: solo quelli che hanno saputo prontamente reagire stanno riuscendo a recuperare terreno. Diversamente è stato per le aziende, da una parte ci sono le aziende che in meno di un anno si sono ritrovate sull’orlo del fallimento, basti pensare a Hertz Usa, mentre molte altre hanno vinto una vera e propria lotteria.

Tra queste ‘vincitrici’, molte appartengo al mondo della tecnologia, nella fattispecie a giovarne maggiormente sono state proprie le big tech, ovvero le più grandi aziende mondiali operanti nel settore informatico e online. I benefici sono stati molteplici, sia per le vendite che per le quotazioni. Le più conclamate sono:

  • Amazon, con circa +401,1 miliardi di dollari di capitalizzazione;
  • Microsoft con +270 mld;
  • Apple con +220 mld;
  • Tesla con +108.4 mld;
  • Tencent con 93 mld;
  • Facebook +86 mld;
  • Nvidia 84 mld;
  • Alphabet 69 mld;
  • PayPal 66 mld
  • T-mobile Usa 59 mld
  • Pinduoduo 55 mld
  • Netflix 55 mld;
  • Meituan Dianping 54 mld;
  • Shopify 51,5 mld;
  • Zoom Video 45 mld.

Insomma, numerI spropositati che hanno fatto schizzare il valore in borsa: le riflessioni però da fare sono opportune.

Come mai tali aziende hanno aumentato così tanto i loro guadagni, raddoppiando o triplicando gli incassi?

Ovviamente l’utilizzo di piattaforme e applicazioni online è aumentato drasticamente grazie all’utilizzo, sempre più determinante, della tecnologia. In particolare, quelle tecnologie, che ci permettono di stare a contatto con le altre persone. D’altronde, già nel IV secolo a.C, Aristotele nel suo ‘Politica’ scriveva “l’uomo è un animale sociale in quanto tende ad aggregarsi con altri individui e a costituirsi in società”: da qui, l’essenza umana. L’uomo infatti sarà sempre portato a voler tenersi in contatto con le altre persone ed ora che ne abbiamo le possibilità per farlo, lo facciamo continuamente. Per tale motivo, l’incremento d’utilizzo di tali infrastrutture è aumentato in modo drastico durante la pandemia. I dati infatti parlano chiaro, dimostrando che le big tech sono presenti per l’80% nella lista delle 100 aziende che hanno ottenuto maggiori guadagni per via della pandemia da Covid-19: non è necessario neppure citare tali big tech poiché il loro nome è conosciuto alla maggior parte delle persone. D’altra parte il problema fiscale, infatti è stata concesso troppo margine d’operazione a tutte queste aziende. Gli organi istituzionali, spesso, non hanno svolto il loro ruolo a dovere, senza sanzionare adeguatamente, lasciando che i fatturati potessero sovrastare le politiche fiscali dei paesi.

Secondariamente, le aziende che hanno ottenuto ottimi guadagni durante il 2020, sono le aziende commerciali operanti nel tech, ovvero tutte quelle società che permettono la compra vendita di articoli online: capolista assoluta Amazon, seguita da Alibaba, Mercadolibre, JD.com ecc.

Le riflessioni generate permettono di comprendere maggiormente verso che futuro siamo diretti. In particolar modo la tendenza sempre più decisiva di puntare all’online, lasciando da parte il vecchio commercio fisico, danneggiandolo in modo irrimediabile. Le persone tendono a voler acquistare quasi la totalità dei prodotti sul web, principalmente per due motivi, da una parte l’immensa varietà e qualità differenti raggiungibili e dall’altra la comodità d’acquisto: basta un metodo di pagamento, una connessione e il denaro. A tutto il resto ci pensa l’incredibile rete logistica che fa da retroscena a questa realtà. I soldi certamente servono, perché senza di essi non si potrebbe acquistare neppure su internet, però non è l’unica cosa di cui le persone hanno bisogno. Infatti, si ha bisogno anche di un cambio radicale nelle abitudini tra le persone, è necessario innovare, organizzarsi meglio per comprendere che il commercio è cambiato grazie a queste big tech, apparentemente insormontabili.

Se vuoi rimanere aggiornato sulle news del mondo tech e del risparmio, iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter