Come investire in oro? Guida completa all’investimento in oro

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Investire in oro: rischio o opportunità? Nelle ultime settimane il prezzo dell’oro ha sfondato i 2000 dollari, raggiungendo una delle quotazioni più alte di tutti i tempi. Sempre più investitori si domandano se convenga puntare sull’oro da investimento.

L’oro non è un metallo come gli altri e da sempre è stato considerato come il bene prezioso per eccellenza per le sue caratteristiche estetiche e per la sua diffusione. Si tratta infatti di un metallo raro, ma non così raro da divenire inacc­­­­essibile per un’ampia platea globale di investitori, istituzioni finanziarie e gioiellieri.

Ogni volta che il prezzo dell’oro cresce, la febbre degli investitori si accende e in moltissimi sono naturalmente attratti dalla prospettiva di acquistare e speculare su questo metallo.

Proprio per il suo fascino e per la sua storia, questo metallo esercita un’attrattiva particolare sugli investitori e ciclicamente la febbre dell’oro sale, di pari passo con le quotazioni di esso. Tanto per rendere l’idea, un sondaggio di Magnify Money ha recentemente scoperto che una persona ogni quattro negli Stati Uniti ha acquistato oro nel secondo trimestre del 2020.

Ma cosa è dovuta questa nuova corsa all’oro? E quale sarà la dinamica futura del prezzo di questo metallo? In questo articolo proveremo a ripercorrere le principali strategie offrendo consigli pratici a chi volesse puntare su questo investimento.

Comprare oro conviene? Ecco come e quando investire in oro

Ma investire in oro conviene veramente? Andiamo ad analizzare i pro e i contro: l’oro storicamente viene utilizzato come un investimento difensivo per tutelarsi in momenti in cui i mercati girano in negativo. In particolare il prezzo dell’oro si impenna:

  • Durante le crisi dei mercati azionari
  • Come tutela naturale nei momenti di grande inflazione

Per questo motivo l’investimento in oro è utilizzato principalmente:

  • Come una quota difensiva all’interno di una strategia diversificata che contenga un investimento molto significativo nell’azionario. Mantenere una quota in oro del 5% o del 10%, piuttosto che puntare sulla liquidità o le obbligazioni, può rappresentare una soluzione efficace per diminuire la volatilità del portafoglio in momenti di crisi, ottenendo comunque una efficace protezione dall’inflazione.
  • Come strumento per speculare in momenti di crisi acuta dei mercati, possibilmente accompagnata da tassi e bassi e misure espansive che sostengano l’inflazione.

Tuttavia, sarebbe sbagliato pensare che l’investimento in oro si riduca semplicemente a un riflesso condizionato degli investitori, che puntano su di esso ogni qualvolta che i mercati entrano in una fase negativa.

Esistono dei fattori tecnici che non si può fare a meno di considerare. Per semplificare, esistono principalmente tre fattori in grado di far schizzare in alto il valore dell’oro: abbondanza di liquidità, prospettive di inflazione in crescita e valutazioni elevate sui mercati azionari. Andiamo a capire perché: 

  • In periodi di grande disponibilità monetaria, quando le banche centrali stampano e introducono moneta nel sistema e le prospettive di inflazione e svalutazione monetaria aumentano, investire in oro può costituire una valida alternativa al denaro liquido per proteggere il valore del proprio capitale. Mentre la valuta tende a svalutarsi a causa dell’espansione della base monetaria, sempre più investitori si trovano nella necessità di impiegare grandi quantità di liquidità e la domanda di oro aumenta.
  • Se anche i tassi sono bassi o vicini allo zero, il valore dell’oro viene sostenuto ulteriormente dal fatto che il rendimento reale delle obbligazioni (ovvero il rendimento calibrato con il livello di inflazione) diventa negativo. Ciò rende l’oro un’alternativa più interessante per diversificare la posizione azionaria e i capitali che si spostano dalle obbligazioni verso il metallo prezioso forniscono un sostegno tecnico alla valutazione dell’oro.
  • Infine, se le valutazioni (il costo) delle azioni e molto alto, l’oro diventa relativamente meno rischioso.

Quando questi fattori si combinano, solitamente nei periodi di crisi dei mercati azionari, il prezzo dell’oro tende a salire (come abbiamo visto nella prima metà del 2020). Ma se si intende prendere una posizione sull’oro con un orizzonte temporale più lungo, bisogna tenere presente ulteriori considerazioni.

Conviene investire in oro

Investimento in oro nel lungo termine: conviene?

Esiste una scuola di pensiero che ritiene che la scarsità dell’oro, accompagnata a una tendenza strutturale alla crescita della quantità di moneta, sosterrà nel lungo termine la domanda di oro, creando una crescita nei prossimi anni del prezzo del metallo prezioso. Effettivamente, andando a valutare le serie storiche, si può notare come a partire dal 2008, in coincidenza della grande espansione della base monetaria operate dalle banche ancora oggi in atto, il prezzo dell’oro è balzato decisamente verso l’alto.

Ma un’analisi più attenta della dinamica del prezzo emerge un quadro più complicato. L’oro ha generato nell’ultimo secolo una crescita reale – al netto dell’inflazione – dell’1,5%, contro oltre il 6% dell’azionario americano. Anche investire in titoli di stato Usa avrebbe garantito migliori ritorni.

Guardando alla storia, il prezzo dell’oro si comporta in modo non diverso da altre materie prime, muovendosi in cicli (notiamo i picchi in corrispondenza delle grandi crisi). Ciò rende l’oro un ottimo investimento difensivo e una possibile fonte di rendimento in determinate fasi, ma allo stesso tempo una asset class rischiosa per l’investitore che volesse investire in ottica di lungo termine.

Dove comprare oro? Ecco come investire in oro

Se ti stai chiedendo come comprare oro, devi sapere che hai quattro opzioni principali per investire sull’oro.

Investire in oro fisico: lingotti e gettoni d’oro da investimento

Per essere un metallo prezioso l’oro è piuttosto liquido, nel senso che è relativamente facile acquistarlo e venderlo anche in forma fisica. Per questo molti investitori prediligono l’opzione di acquistare lingotti e monete d’oro: soluzione che offre garanzie di riservatezza. Anche le banche offrono servizi di acquisto e conservazione di oro fisico: bisogna però stare attenti ai costi di transazione.

Investire oro con Etf o Etc, investire in oro in Borsa

Gli Etf o Etc sono dei fondi le cui quote replicano il prezzo dell’oro. Ne esistono due tipologie principali: quello fisici, che acquistano fisicamente l’oro per vece degli investitori e quelli che tracciano il prezzo tramite derivati. Il principale vantaggio di questa opzione è che i fondi sono quotati e ciò garantisce una certa trasparenza nel prezzo e maggiore facilità nell’acquisto e vendita delle quote.

Aziende legate alla filiera dell’oro

Un altro modo per investire in oro è l’acquisto di titoli di aziende legate all’oro come per esempio le società minerarie. Queste aziende sono legate al valore dell’oro ma esse sono influenzate dall’andamento del prezzo dell’azionario in generale, rischiando di vanificare il valore difensivo dell’investimento in oro ma godendo potenzialmente di prospettive di rendimento anche in fasi di mercato toro.

Titoli alternativi o derivati

Questa opzione è consigliabile solo agli investitori esperti in grado di comprendere la struttura dei contratti acquistati.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter