Conviene noleggiare un auto o comprarla?

conviene comprare o noleggiare
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

La domanda “conviene noleggiare un’auto o comprarla?” fino a qualche anno fa era impensabile, ma oggi è una scelta da valutare attentamente. Non tanto per i liberi professionisti, che viaggiano molto e hanno necessità di cambiare spesso il veicolo senza doversi preoccupare della proprietà, quanto per i privati che devono orientarsi tra continue formule di noleggio messe a punto dalle case automobilistiche per essere competitive e convenienti sul mercato e i pagamenti a rate che tutte le marche spingono a fare quando si vuole comprare una macchina. Che siano a breve o a lungo termine, di pacchetti e opzioni ce ne sono diversi: ti consentono di noleggiare l’auto dietro un canone pattuito mensile, senza spese extra per assicurazione, soccorso stradale, cambio di pneumatici o manutenzione, e al termine del contratto restituire il mezzo chiudendo il rapporto. Ma conviene?

Quali criteri considerare per scegliere tra noleggio e acquisto dell’auto

Innanzitutto dipende dalla durata dell’offerta del contratto. È proprio sul lungo termine che si muovono la maggior parte delle offerte del settore del noleggio auto: si va dai 3 anni ai 5, solitamente, ma il periodo può variare in base alla promozione lanciata dalla società. A fronte della durata, si definisce un canone fisso, che di solito è mensile: può essere anche di soli 100 euro al mese ed è “all inclusive”, senza quote aggiuntive per canoni e inconvenienti e scocciature.

acquistare o noleggiare auto

Meglio dell’acquisto con maxi rata finale?

È una modalità che risulta sempre più scelta rispetto al leasing che, al termine del contratto, offre la possibilità di “riscattare” l’auto con una maxi rata. E la quota totale di un noleggio è diversa dall’investimento per acquistare un’auto nuova e allo stesso tempo consente di poter scegliere il modello più moderno, al passo con la tecnologia e quindi, a seconda delle priorità, anche più green e di poterlo cambiare in base alle necessità, senza doversi preoccupare di cercare acquirenti, prima del nuovo acquisto.

A chi conviene noleggiare l’auto?

Una soluzione questa che alletta soprattutto chi è in possesso di partita Iva, più incerta la convenienza per il resto degli automobilisti per cui è indispensabile capire quanto e come si usi l’auto. Il noleggio infatti è più indicato per chi a bordo di una quattro ruote si sposta ogni giorno. Che serva per andare al lavoro o per gite in famiglia, l’intenso utilizzo dell’auto va di pari passo con la convenienza di pagare una quota risparmiandosi oneri e disturbi accessori, che vanno dalla manutenzione, sia ordinaria che straordinaria, ai canoni fissi come l’assicurazione o il temuto bollo. Senza considerare che avere un canone fisso consente di non avere sorprese sul bilancio familiare a fronte di emergenze di manutenzione.

Un modo per essere sicuri che sia conveniente?

Calcolatrice alla mano si può paragonare il prezzo dell’abbonamento del noleggio con il costo di un’auto di proprietà, ripartendo la cifra nel totale di mesi che il contratto fisso prevede. È possibile ottenere dei preventivi online tramite i portali delle diverse società di noleggio, le più note sono Leasys (FCA Bank) e Car Server. A quel punto, contratto alla mano, il calcolo è semplice.

È bene però stare attenti e leggere bene le offerte che possono celare sorprese, per questo più la somma si riduce più è preferibile – ma lo è sempre in realtà – controllare bene le condizioni della sottoscrizione dell’accordo e avere chiaro quale sia l’intero costo pianificato del noleggio. Su quello, calcolare il rapporto tra costo e servizio e capire se la proporzione sia conveniente rispetto alle proprie esigenze. Se infatti risparmiare tempo dal meccanico o dall’assicuratore è una prerogativa importante nella scelta, provare a risparmiare molto denaro potrebbe celare un ridotto pacchetto di servizi.

Conviene avere nel contratto una macchina sostitutiva

Molti contratti assicurano un’auto sostitutiva. È uno dei dettagli che nelle clausole del contratto meritano particolari attenzioni. Come eventuali anticipi previsti, depositi cauzionali, l’inserimento di clausole per i costi di ripristino dell’auto dopo la scadenza del contratto o possibili restrizioni sul chilometraggio. Senza tralasciare copertura assicurativa, anche per furto, incendio e danni, e franchigie. Ed è importante anche avere informazioni sul proprietario dell’auto, in pratica la società del noleggio, a cui il locatario deve rispondere per quanto accade all’auto che deve essere riconsegnata.

Noleggiare l’auto ha vantaggi fiscali, ma non per tutti

Un discorso a parte è la convenienza prendendo in considerazioni anche le agevolazioni fiscali nell’acquisto dell’auto, come per i liberi professionisti o per le imprese che hanno necessità di un’auto per un periodo lungo, senza incombenze. Soprattutto se si prendono in considerazione le durate dei contratti, che di solito vanno dai 3 anni ai 5. A confermarlo è il trend delle immatricolazioni, pari al 20 per cento in più di quelle a noleggio durante lo scorso anno. Meno attraente l’opzione noleggio nel target delle citycar, che come categoria di veicoli conserva il valore negli anni, a differenza delle auto di grossa cilindrata che subisce un forte calo di prezzo nel tempo.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter