Cos’è Rivian e perché ha affossato i guadagni di Amazon e Ford?

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram

Sia Amazon, sia Ford hanno conquistato i titoli dei giornali e scosso le borse riportando perdite nel primo trimestre dovute a una causa comune: i loro investimenti in Rivian Automotive.

Amazon in particolare ha registrato una rara perdita trimestrale di 3,84 miliardi di dollari, interamente dovuta a una svalutazione di 7,6 miliardi di dollari del suo investimento azionario in Rivian Automotive.

Lo stesso vale per Ford, che ha affermato di aver perso 5,5 miliardi di dollari a causa delle sue partecipazioni in Rivian, causando una perdita complessiva di 3,1 miliardi di dollari.

Ma cos’è Rivian Automotive, e come ha fatto una startup sconosciuta ai più a causare questo mal di testa per gli investitori di tutto il mondo?

Rivian Automotive è un produttore di camion elettrici che opera in un ex stabilimento Mitsubishi in Illinois. È stata fondata da RJ Scarringe. Nel 2011, Scarringe, che era affascinato dall’idea delle auto elettriche, comincia a spostare la sua attenzione verso lo sviluppo di un pick up completamente elettrico per poi passare all’ideazione di camion e veicoli commerciali.

La visione e le connessioni di Scarringe hanno da subito attratto grandi investitori, ancora prima che l’azienda fosse in grado di produrre dei prototipi funzionanti. I suoi contatti con il MIT, dove ha conseguito un dottorato di ricerca, lo hanno collegato alla famiglia Jameel dell’Arabia Saudita, che, insieme ad altri investitori, ha aiutato l’azienda a raccogliere 450 milioni di dollari. Dopo la presentazione di un prototipo di di camion elettrico, che ha anche coinvolto la cantante Rihanna durante il Los Angeles Auto Show nel 2018, Amazon ha annunciato nel febbraio 2019 che avrebbe investito 700 milioni di dollari nell’azienda. Ad aprile, Ford ha investito 500 milioni.

Ford era interessata alla tecnologia delle batterie e ad un certo punto pensò di sviluppare congiuntamente un pickup, ma quest’ultimo piano fu presto abbandonato. Amazon ha ordinato all’azienda 100.000 furgoni elettrici per le consegne. Insomma si pensava che Rivian avrebbe potuto competere con Tesla nel mercato delle auto elettriche.

Rivian si è quotata nel  2021. Il prezzo delle azioni ha raggiunto un picco di 172 dollari il 16 novembre per poi cominciare l’inesorabile discesa. A marzo, Rivian ha affermato che i problemi alla catena di approvvigionamento hanno ridotto drasticamente la sua produzione e quest’anno sarà in grado di produrre solo 25.000 veicoli. Ha affermato, inoltre di aver consegnato solo 1200 veicoli dall’inizio dell’anno. Il titolo è crollato, chiudendo il primo trimestre a 50,24 dollari. Amazon e Ford hanno quindi perso circa la metà del valore del loro investimento in un trimestre.

Ma la strada è veramente finita per Rivian? Con 180.000 ordini all’attivo e il piano per aprire una nuova fabbrica ad Atlanta, l’azienda sostiene di stare superando i problemi di produzione e che riuscirà a deliverare almeno i 25.000 veicoli promessi quest’anno. Insomma, pur forse non giustificando le valutazioni folli di qualche mese fa, Rivian è un’azienda che potrebbe avere ancora molto da dire, a patto di saper cominciare a costruire in scala i propri veicoli.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla Newsletter