DeFi: cos’è Finanza Decentralizzata e come funziona

defi cos'è
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

DeFi sta per Decentralized Finance, finanza decentralizzata ovvero un ecosistema di servizi finanziari che punta a eliminare gli intermediari nelle operazioni attraverso l’utilizzo di reti informatiche decentralizzate come la BlockChain.

La DeFi comprende tutti quei servizi finanziari che utilizzano contratti intelligenti (smart contract), accordi esecutivi automatizzati che non necessitano la presenza di intermediari.

Un settore in enorme fermento, all’interno del quale possiamo trovare token e progetti molto diversi tra loro, con una caratteristica in comune: replicare quelli che sono servizi forniti da banche, scambi e borse senza intermediari: basando tutto sulla forza della blockchain e degli smart contract.

Cosa si può fare con la DeFi?

Ecco un elenco sintetico di opportunità, che ti apre alle cose che puoi fare con la DeFi:

  • DAO (Decentralized Autonomous Organization) organizzazioni autonome e decentralizzate
  • strumenti di gestione degli asset digitali
  • exchange decentralizzati (DEX)
  • derivati
  • assicurazioni
  • margin trading
  • lending e borrowing
  • staking
  • tokenizzazione degli asset reali

Con la finanza decentralizzata è possibile: chiedere o fornire prestitifare trading di criptovalute su exchange decentralizzati, quindi convertire rapidamente una criptovaluta in un’altra; operare con strumenti derivati (piattaforma Synthetix), quindi creare token basati sull’andamento di oro e altri asset e monitorarli; fare pagamenti istantanei in Bitcoin senza commissioni (piattaforma Lightning Network).

L’area in cui la De-Fi sta modificando con maggiore impatto il mercato delle criptovalute è il trading su exchange decentralizzati (dex): la compravendita di token in peer-to-peer, senza intermediari, senza limiti di volume, con la possibilità di mantenere le chiavi del proprio “wallet” senza affidarle a un exchange centralizzato.

Tra le applicazioni di trading su exchange decentralizzati si distingue Uniswap: lanciata nel novembre 2018, nell’agosto 2020 ha subito un fork che ha dato origine a Sushiswap. Sushiswap ha subito rilasciato dei token di governance, Sushi, che consentivano agli utenti di controllare il protocollo e in cambio li ricompensavano con una parte delle commissioni ricevute dagli scambi nella piattaforma: una mossa che ha creato uno spostamento di liquidità verso Sushiswap. Per tamponare l’uscita di liquidità Uniswap ha distribuito, nel settembre 2020, i propri token di governance, gli Uni.

Quali sono i principali vantaggi della DeFi?

Le applicazioni DeFi non hanno bisogno di intermediari o mediatori. Il loro codice specifica la risoluzione di ogni possibile controversia, e gli utenti mantengono il controllo dei propri fondi in qualsiasi momento. Questo riduce i costi associati alla fornitura e all’utilizzo di questi prodotti e consente lo sviluppo di un sistema finanziario senza attriti. Dato che questi nuovi servizi finanziari vengono dispiegati sopra blockchain, i singoli punti di errore vengono eliminati. I dati sono registrati sulla blockchain e diffusi tra migliaia di nodi, rendendo la censura o la potenziale sospensione di un servizio un’impresa complessa. 

Un altro vantaggio significativo di un tale ecosistema aperto è la facilità di accesso per chi altrimenti non avrebbe a disposizione nessun servizio finanziario. Dato che il sistema finanziario tradizionale si basa sulla generazione di profitti da parte dei suoi intermediari, i suoi servizi sono generalmente assenti da luoghi con comunità a basso reddito. Tuttavia, con la DeFi, i costi vengono ridotti significativamente, e anche gli individui con un reddito basso possono beneficiare di una più ampia gamma di servizi finanziari.

Come investire in DeFi

Per seguire più da vicino lo sviluppo DeFi è consigliato l’utilizzo di strumenti come Defipulse o Defistation, il primo mostra una panoramica generale principalmente sulla sulla DeFi sviluppata su Ethereum, mentre il secondo mostra i dati relativi alla DeFi sviluppata sulla Binance Smart Chain.

I progetti di finanza decentralizzata sono spesso sostenuti da un token, una moneta che serve a promuovere il progetto, a sostenerlo e a finanziarlo. Quindi se credete in un progetto di DeFi, il modo più semplice per investire, è quello di puntare sulla criptovaluta che lo sostiene.

È inoltre possibile investire in DeFi attraverso il DPI (acquistabile su Uniswap). Il DeFi Pulse Index (DPI) è un indice ponderato in base alla capitalizzazione che traccia la performance delle attività finanziarie decentralizzate in tutto il mercato.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter