Ecco gli effetti del vaccino sull’economia mondiale

vaccino e crescita
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Il numero di vaccinati nel mondo continua a salire giorno dopo giorno e apparentemente anche le varie economie mondiali sembrerebbero stare “prendendo fiato” rispetto ai mesi scorsi, dove già in prima battuta, durante i primi mesi del 2021, si era denotata una forte ripresa rispetto al semestre precedente. La crescita economica sembrerebbe quindi dipendere, in primo luogo dalle abolizioni delle restrizioni instaurate nei paesi per limitare il contagio da Covid-19 e secondariamente dall’arrivo e dalla somministrazione dei vaccini: ma è proprio così?

Sembrerebbe di sì.

Bankitalia lo aveva già annunciato ad aprile 2021, ricordando che i vaccini erano l’unica arma che avevamo contro la sconfitta da Covid-19 ed effettivamente, gli indici economici dei paesi dove sono state somministrate maggiori quantitativi di dosi, mostrano una ripresa più vigorosa rispetto agli altri.

Ne sono un chiaro esempio paesi come Regno Unito, Stati Uniti o Spagna, nei quali seppur sia molto molto alto il numero dei contagi da Covid-19, grazie al numero di dosi effettuate, l’economia non subisce rallentamenti evidenti e continua a salire: la sicurezza dell’effettività del vaccino porta le persone ad avere maggior sicurezza in fase di acquisto di servizi e/o prodotti e conseguentemente l’economia nazionale subisce un impulso considerevole.

Ovviamente la crescita economica non ha ancora raggiunto i livelli pre-pandemia ma i dati sono promettenti, nonostante anche l’arrivo delle nuovi varianti, più aggressive e maggiormente contagiose. Una delle principali preoccupazioni però viene dai paesi con problemi economici, nei quali i governi, per via delle proprie situazioni economiche-sociali, fatica a aumentare le somministrazioni dei vaccini. Uno degli obiettivi dei prossimi mesi è riuscire a far arrivare i vaccini anche in tali paesi ed aumentare così la copertura vaccinale globale: l’ultimo paese a donare è stata proprio la Spagna (paese tral’altro maggiormente colpito in Europa dalla variante Delta), la quale ha donato circa 750.000 dosi a paesi del centro-latino America.

L’aiuto quindi di questi paesi è essenziale per poter raggiungere queste zone del mondo, già particolarmente colpite dalla crisi economica-politica: la vaccinazione globale servirebbe in primis a mitigare il contagio del virus e ridurrebbe drasticamente la probabilità che il Covid-19 possa continuare a mutare e a diventare maggiormente aggressivo e quindi pericoloso per tutti.

Il vaccino rimane quindi un’arma importantissima non solo a livello sanitario ma anche e soprattutto a livello economico.

E te cosa ne pensi? Pensi che il vaccino sia la soluzione definitiva a questo capitolo storico che ha sconvolto l’umanità oppure è solo un piccolo passo in avanti ma non è definitivo? Facci sapere la Tua nei commenti!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter