Ecco l’uomo che ha rivoluzionato Amazon e scalzato Jeff Bezos

Nuovo ceo Amazon
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Seattle è una città notoriamente piovosa, ma quando, nel 1997, Andy Jassy ha accettato il lavoro in una piccola azienda che vendeva libri online con l’obiettivo fare lo stesso con i compact disk, non si aspettava che avrebbe ridefinito per sempre il concetto di “nuvola”. Probabilmente non si immaginava neanche che sarebbe diventato un giorno il Ceo di una delle aziende più grandi della storia del capitalismo. Eppure è da qui che bisogna partire per capire i segreti di Jassy, l’uomo che prenderà il posto di Bezos al vertice di Amazon.

Dal 1997 sono passati 23 anni e quasi nessuno utilizza più i Cd. Adesso la maggior parte delle persone si connette a enormi archivi digitali, che permettono di avere accesso immediato alla quasi totalità della musica composta nella storia dell’uomo. Questo è solo un esempio di come i supporti fisici siano stati mandati in soffitta dalla rivoluzione del cloud computing, un cambio di paradigma nel modo in cui conserviamo e accediamo ai dati che è stato propedeutico per l’evoluzione dell’economia digitale e la nascita di decine di aziende, oggi valutate miliardi di dollari.

Andy Jassy è stato uno dei principali artefici di questa rivoluzione e del successo di Amazon, avendo ideato e guidato Amazon Web Service, il dipartimento del gigante di e-commerce che offre servizi di cloud computing alle aziende. Dopo il passo di lato di Jeff Bezos, che ha deciso di assumere la carica di Presidente Esecutivo dopo un trimestre record in cui l’azienda ha fatturato oltre 100 miliardi di dollari, Jassy diventerà entro la fine dell’anno il Ceo. Restando al fianco di Bezos per quasi tutta l’epopea di Amazon, Jessy ha contribuito a elaborare l’idea fino a questo momento più redditizia tra i molti successi dell’azienda: il cloud computing appunto.

Da quando Amazon Web Services è stato lanciato nel 2006, Jassy ne è stato il capo e l’evangelista. Dopo aver conseguito laurea e Mba ad Harvard, ha cominciato a lavorare presso Mbi, un produttore di gioielli e monete. Entrò in Amazon nel 1997 per aiutare quello che allora era un piccolo venditore di libri espandere il suo catalogo di Cd. Nei primi anni Duemila è diventato consigliere tecnico di Bezos. Nel 2003, durante una sessione di brainstorming a casa del fondatore, ha immaginato la piattaforma di cloud computing ora nota come Aws. L’obiettivo del meeting era quello di trovare idee per rendere profittevole l’enorme infrastruttura per la gestione dei dati che Amazon si trovava a gestire per la propria attività di e-commerce. La soluzione è stata quella di mettere i propri server a disposizione delle aziende per ospitare dati e programmare software in cloud.

Gestire enormi archivi di dati è estremamente costoso e costituisce una vera e propria barriera all’ingresso per molti business. Grazie alla tecnologia in cloud anche piccole società possono avere accesso alle stesse tecnologie delle grandi aziende, a condizioni di costo paragonabili. Ciò ha permesso a numerosissime aziende di software di programmare in cloud, consentendo a un nuovo modello di business (Software as a Service) di imporsi: non molto tempo fa per utilizzare un’applicazione era necessario installarla in locale sui propri hardware, oggi invece è diventato normale accedere a servizi come Netflix o Spotify in cloud, senza dover installare nessuna applicazione. Agli inizi, Aws era utilizzato principalmente da startup senza una propria infrastruttura dati. Ora molti di questi business sono cresciuti, diventando aziende del valore di miliardi di dollari e andando ad alimentare in questo modo i profitti di Amazon. Stiamo parlando di giganti del calibro di Airbnb, Uber e Netflix.

Aws è diventato ben presto uno dei più grandi centri di profitto di Amazon e nel tempo ha permesso all’azienda di operare in perdita su altri fronti, aumentando la propria quota di mercato. Nell’ultimo trimestre del 2020, Aws ha registrato un fatturato netto di 12,7 miliardi di dollari con un reddito operativo di 3,6 miliardi di dollari, più della metà di quello dell’intera azienda. Il segreto della promozione di Jassy è si trova dietro questo successo.

Il futuro Ceo Jassy è, secondo le persone che hanno lavorato con lui, un vero sostenitore della cultura implacabile di Amazon, un tecnocrate che lascia molta libertà al suo team per esplorare nuove idee e nuovi prodotti. Adesso dovrà utilizzare la sua esperienza per gestire un’azienda che vale oltre 1700 miliardi di dollari, in quella che è di fatto una delle posizioni di leadership più importanti a livello mondiale.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter