I borghi dove comprare casa a 1 euro

comprare casa a 1 euro
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

In Italia si può comprare casa per solo 1 euro. Son tanti i piccoli borghi che hanno lanciato iniziative di questo tipo per permettere di vivere la tranquillità quotidiana e allo stesso tempo ripopolare luoghi suggestivi a rischio desertificazione. In un anno scandito da continui lockdown a causa del Covid-19 e da lunghi periodi di smart-working per la pandemia, in tanti hanno sentito la voglia di fuggire dalle grandi città, dove invece gli spazi sono ridotti e la vita più caotica, e oggi poterlo fare non solo è possibile, ma anche economico.

Ecco i borghi dove comprare casa a 1 euro

Diversi piccoli comuni italiani hanno deciso di aderire all’iniziativa per contrastare l’abbandono dei borghi e salvare abitazioni che, in disuso, diversamente verrebbero abbattute mettendole in vendita per la cifra simbolica di 1 euro. La clausola però è che chi le acquista si impegni a rimetterle a nuovo in breve tempo. Con la speranza che in questi paesi porti nuova linfa vitale, ma anche spirito imprenditoriale, attività turistiche e un’accelerazione all’economia.

Dove si può acquistare casa a 1 euro

Il comune apripista fu Salemi nel Trapanese, primo paese in Italia a intraprendere questa strada per combattere il degrado, ma oggi sono oltre 30 da Nord a Sud i borghi in cui si possono acquistare case a 1 euro e il numero, considerando il trend dell’ultimo periodo, è destinato ad aumentare. Così cresce anche la scelta che varia di zona ma anche di tipologia, da vecchi casolari nelle campagne del centro Italia a case nei centri storici, affacciati sulle coste italiane. Come Cinquefrondi, in provincia di Reggio Calabria, a 15 minuti dal mare. La sua storia è stata rilanciata anche dai media americani come simbolo del progetto. Nel paese, circondato dal parco nazionale dell’Aspromonte, oltre che balcone sulle coste ioniche e tirreniche dove la popolazione, poco più di 6mila abitanti ama essere definita come “gli ultimi greci”, c’è un intero quartiere abbandonato con case vuote così il Comune ha deciso di dar vita a una rivoluzione chiamata “Cinquefondi cantiere di Bellezza”, sperando di donargli nuova vita.

Dalla Sicilia al Piemonte

Ma la lista di opportunità è lunga e se ne sono accorti anche all’estero: ad esempio sono arrivate centinaia di richieste per gli immobili del borgo siculo di Troina, provincia di Enna. Dichiarato uno dei “Borghi più belli di Italia” per gli antichi quartieri medievali. Ha conquistato gli acquirenti stranieri che ora potranno comprare per 1 euro case purtroppo abbandonate, partecipando al recupero di interi porzioni della cittadina. E la Sicilia va per la maggiore: a Mussomeli, provincia di Caltanissetta, dove piove solo 20 giorni l’anno e il resto è solo sole sono decine le abitazioni vista mare in vendita. A 700 metri dal livello del mare, il centro storico è una vera e propria grande terrazza sulla costa ma mantenendo la tipicità di un borgo da sogno e quel sogno è acquistabile per un euro, come hanno fatto già in centinaia. O come Sambuca, in provincia di Agrigento che ha dovuto gestire oltre 100mila richieste, tra mail e telefonate, per le prime 16 case in vendita dopo che ne ha parlato la Cnn.

E se al mare si preferisce la montagna, c’è l’imbarazzo della scelta a Borgomezzavalle, tra i boschi della Valle Antrona, nella provincia piemontese del Verbano-Cusio-Ossola: decine di abitazioni in vendita sempre a un euro, da ristrutturare entro due anni dal rogito, potendo però usufruire di bonus per i nuovi bimbi nati, asili e mense gratuiti. Sono poco più di 300 gli abitanti, quindi la tranquillità è garantita, ma anche la possibilità di scegliere. Non proprio a un euro, ma comunque a prezzi convenienti, ci sono opportunità anche a Carrega Ligure, nell’Alessandrino: a quasi mille metri di altitudine e con soli 89 abitanti, sono diverse le case da salvare, rispettando però l’architettura originale.

In Centro Italia

C’è anche Bisaccia, in Campania. Nel comune di poco meno di 4mila abitanti, grazie ai quali si è guadagnato la reputazione di “borgo gentile”, sono migliaia i metri quadri pronti ad avere una nuova vita, proprio nella parte più antica del borgo dove le case si toccano, alcune hanno anche lo stesso accesso. L’obiettivo dell’amministrazione comunale, che è proprietaria di gran parte di questi alloggi, è aprire questi spazi a intere famiglie, amici o conoscenti per ridare respiro a scorci ora assopiti dopo l’abbandono di contadini e pastori. Sempre nel centro Italia ci sono anche il Lazio, l’Umbria e le Marche tra le regioni papabili, come a Cantiano, in provincia di Pesaro Urbino dove il centro storico, con le sue origini medievali, è pieno di case e chiese antiche, ma non di persone che le abitano. O l’affascinante borgo molisano di Castropignano, che sorge sulla cima di una collina sulla valle del fiume Biferno.

Come comprare casa a 1 euro

La procedura è semplice: i privati, piuttosto che continuare a pagare le spese di abitazione in disuso, possono decidere di donare lo stabile al Comune. Di solito sono immobili molto vecchi o nel degrado, e quindi da ristrutturare, ma non inagibili. Il Comune li mette a bando decidendo i criteri per aggiudicarsi l’immobile, così favorendo chi vuole costruirsi un futuro ma non vuole spenderci molto e valorizzare luoghi abbandonati.

I proprietari, infatti, devono impegnarsi a consegnare un progetto di ristrutturazione e rivalutazione dell’immobile in 365 giorni, affrontare le spese notarili per registrare e accatastare l’immobile e dare il via ai lavori entro due mesi, così da accertare che davvero gli immobili siano recuperati e tornino sul mercato. Diversamente i vecchi proprietari sono assicurati da una polizza fideiussoria, stipulata con il Comune.

Acquistare ma anche riqualificare gli immobili

La cifra è simbolica, ma non l’obiettivo e con il tempo si sono moltiplicate le opportunità anche di trasformare queste case e dargli un futuro diverso. Le prime amministrazioni ad aderire non hanno visto una grande risposta, ma il trend potrebbe invertirsi, anche per la grande voglia di relax che tanti stanno vivendo nel periodo emergenziale. Inoltre acquistare casa a un euro non vincola sull’utilizzo e può diventare a tutti gli effetti un investimento. Non è raro infatti che venga considerata un’opportunità per promuovere la nascita di nuove realtà turistiche, come piccoli B&B, hotel o, e sono sempre più gettonati, alberghi diffusi per il paese che superano il concetto di struttura alberghiera e permettono di vivere immersi nella tipicità del luogo.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Potrebbe interessarti anche:

One thought on “I borghi dove comprare casa a 1 euro”

  1. Alcuni stranieri mi hanno chiesto informazioni su queste case ad un euro, e così ho avuto modo di approfondire la questione.
    Ciò che dite nell’articolo è verissimo, si tratta spesso di case che i proprietari non hanno interesse a mantenere, ed in cui il compratore si impegna ad effettuare una serie di lavori entro tempi molto brevi.
    Spesso tra le clausole vi è anche l’impegno ad utilizzare imprese del luogo.
    Avendo esaminato alcuni di questi immobili ho notato che il più delle volte sono situati in zone di scarso interesse, e con necessità di lavori di ristrutturazione ingenti, tanto che il prevedibile importo dei lavori da effettuare supera di molto il valore di mercato degli immobili, rendendo le ristrutturazioni non convenienti.
    Inoltre gli impegni con i Comuni sono perentori, tanto che il mancato rispetto di essi espone alla perdita dell’immobile e al risarcimento dei danni.
    A volte si trovano immobili di qualche interesse, ma in quei casi la lista dei richiedenti è così lunga che le possibilità di acquistare l’immobile sono minime.
    Io ho sempre sconsigliato di tentare l’acquisto di questi immobili ad 1 euro.
    Ritengo invece molto più interessante valutare l’acquisto di un immobile all’asta, perché i prezzi sono comunque molto inferiori a quelli di mercato, soprattutto lo saranno quando le aste riprenderanno in massa a seguito delle varie sospensioni covid, e tutto l’arretrato delle aste si concentrerà.
    Complimenti per il sito, serve gente che inizi a parlare di soldi in modo razionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter