I migliori insegnamenti di Steve Jobs

I migliori insegnamenti di Steve Jobs
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Con questa nuova rubrica analizzeremo i migliori insegnamenti delle persone che hanno saputo cambiare il mondo. Attraverso le loro frasi più celebri analizzeremo e scopriremo i loro segreti.

Tutti quanti conosciamo il grande Steve Jobs, oggi cercheremo di analizzare i migliori insegnamenti che questo grande uomo ci ha lasciato.

Cambiare idea è segno di intelligenza

Quando Apple consegnò il primo iPhone, non c’erano le applicazioni. Le app, decretò Steve, erano una cattiva idea perché non sapevi mai che cosa potessero fare al tuo telefono. Introdurre applicazioni web all’interno di Safari era l’unica possibilità presa in considerazione, fino a quando sei mesi dopo Steve decise – o qualcosa lo convinse – che le app fossero la giusta cosa da fare. Apple percorse molta strada in poco tempo arrivando al suo celebre slogan “there’s an app for that” (“c’è un’applicazione per ogni cosa”).

Circondati dei migliori talenti sulla piazza

Cerca di lavorare con gente migliore di te per migliorare di continuo i risultati. La crescita vertiginosa del business e della quotazione borsistica della Mela, dopo l’allontanamento di Jobs per la malattia, è dovuta soprattutto alla qualità del team che lui ha messo insieme e a cui ha dato fiducia, nonostante agli occhi dei media sembrassero sempre dei sottoposti e sottovalutati.

Una giocatori di serie A assumono giocatori di serie A+.

I giocatori di serie A assumono persone di serie A+ in modo che possano migliorarsi lavorando con loro. I giocatori di B assumeranno giocatori di C in modo che possano sentirsi superiori a loro mentre i giocatori di C assumeranno giocatori di D. Se inizi l’assunzione di giocatori di B, aspettati l’esplosione di asini nella tua tua azienda, diceva Steve.

Gli esperti non sanno nulla.

Gli esperti, giornalisti, analisti, consulenti, banchieri e guru non sanno “fare” e quindi “consigliano”. Possono dire ciò che è sbagliato con il prodotto, ma non possono farne uno grande. Possono dirti come vendere qualcosa, ma non sanno vendere. Sanno come creare grandi team di lavoro, ma sanno gestire a malapena la segretaria. Per esempio, gli esperti ci hanno detto che i due più grandi difetti del Macintosh a metà degli anni ’80 fosse la mancanza di una stampante a margherita; un altra perla fu di acquistare Compaq. Ascoltate quello che dicono gli esperti, ma non dategli sempre retta. 

I clienti non posso dirvi che cosa hanno bisogno.

“Ricerca di mercato di Apple” è un ossimoro. Il focus group di Apple è stato l’emisfero destro del cervello di Steve parlando con quello sinistro. Se chiedete ai clienti quello che vogliono, vi diranno, “Meglio, più veloce e meno costoso”, cioè una migliore stessa cosa, non un cambiamento rivoluzionario. Essi possono solo descrivere i loro desideri in termini di ciò che stanno già utilizzando, nel periodo di introduzione di Macintosh, tutte le persone dicevano di volere computer con MS-DOS migliori, più veloci e più economici. La cosa migliore per una start-up tecnologica è la creazione di prodotti che si desidera usare, questo è quello che Steve e Woz hanno fatto.

Le più grandi sfide generano lavoro migliore.

La competizione è un sano carburante, circondati da persone competenti e cerca di fare meglio di loro. La competizione permette ad entrambi le parti di fare del proprio meglio

Il design conta.

Steve ha fatto impazzire la gente con le sue richieste: quella sfumatura di nero non era abbastanza nero. I comuni mortali pensano che il nero è nero, e che un bidone è un bidone della spazzatura. Steve era un perfezionista, un perfezionista oltre la sfera del tuono e aveva ragione: alcune persone tengono alla cura del design e molte persone lo notano appena. Forse non tutte, ma quelli importante.

Non si puoi sbagliare con grafica grande e caratteri grandi.

Date un’occhiata alle slide di Steve. Il font è di sessanta punti. C’è di solito una grossa cattura o un grande grafico. Guarda le presentazioni di altri che si occupano di tecnologia, anche quelli che hanno visto Steve in azione. Il font è di otto punti, e non ci sono elementi grafici. Tanta gente dice che Steve è stato più grande del mondo, nella presentazione di un prodotto .. non vi chiedete perché pochi copino il suo stile?

Le presentazioni dei veri CEO.

Steve Jobs poteva fare presentazioni di iPod, iPad, telefoni, e Mac 2-3 volte l’anno con milioni di persone a guardare. perché è che molti CEO delegano i loro vice per fare una demo del prodotto? Forse è per mostrare che c’è un lavoro di squadra in gioco. Forse. O più probabile che il CEO non capisce ciò che la sua azienda sta facendo, abbastanza bene da spiegarlo. Non è patetico?

Valore è diverso dal prezzo.

Guai a voi se si decide tutto in base al prezzo. Guai a voi ancora di più se si compete unicamente sul prezzo. Il prezzo non è tutto ciò che conta, ciò che è importante, almeno per alcune persone, è il valore. E il valore tiene conto della formazione, il supporto e la gioia intrinseca di utilizzare lo strumento migliore esistente. Siamo sicuri nel dire che nessuno compra i prodotti Apple a causa del loro basso prezzo.

I veri CEO rilasciano.

Per il ​​suo perfezionismo, Steve poteva rilasciare. Forse il prodotto non è stato sempre perfetto, ma è stato quasi sempre abbastanza grande per andare. La lezione di Steve non era fare modifiche e migliorie per il gusto di farle. Aveva un obiettivo: il raggiungimento del rilascio del prodotto e il dominio a livello mondiale di mercati esistenti o la creazione di nuovi mercati. Apple è una società di ingegneria centrica, non di ricerca centrica.

Il Marketing ribolle fino a fornire un valore unico.

Pensate a una matrice 2 x 2. L’asse verticale misura quanto il prodotto si differenzia dalla concorrenza. L’asse orizzontale misura il valore del prodotto. In basso a destra: di valore ma non unico, dovrete competere sul prezzo. In alto a sinistra: unico ma non di valore, sarete i leader di un mercato che non esiste. In basso a sinistra: non unico e non di valore, sei un deficiente. In alto a destra: unico e di valore, questo è dove fai margine, i soldi, e la storia. Ad esempio, l’iPod è stato unico e di valore perché era l’unico modo per scaricare musica, a buon mercato e facilmente, delle sei top case discografiche del mondo.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter