I paesi in ordine di spesa militare annua

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram

Non è un segreto che paesi come gli Stati Uniti d’America, la Russi o la Cina, investano quantità di denaro maggiori, rispetto ad altri stati, per quanto concerne lo sviluppo e il mantenimento dei propri armamenti miitari. Con l’avanzare del conflitto militare tra la Russia e l’Ucraina, i paesi hanno aumentato la propria spesa militare, in particolare alcuni in proporzioni maggiori rispetto ad altri e anche rispetto al proprio PIL.

E’ possibile calcolare la quantità di denaro che ognuno di questi paesi utilizza per la propria spesa militare, analizzando sia la quantità monetaria esplicitamente dichiarata, sia attestando la spesa secondo il PIL (prodotto interno l’ordo annuale) destinato al settore militare.

Questi sono i paesi che spendono di più in termini monetari:

  1. Gli Stati Uniti d’America spende circa 778 miliardi di dollari all’anno.
  2. La Cina spende circa 252 miliardi di dollari all’anno.
  3. L’India spende circa 72 miliardi di dollari all’anno.
  4. La Russia spende circa 61 miliardi di dollari all’anno.
  5. L’Inghilterra spende circa 59 miliardi di dollari all’anno.

Questi invece sono i paesi che spendono di più rispetto al proprio PIL:

  1. La Libia utilizza circa il 15,5% del proprio PIL (circa 3,9 mld) nel settore militare;
  2. L’Oman utilizza circa il 10,9% del proprio PIL (circa 8,2 mld);
  3. L’Arabia Saudita utilizza circa l’8,4% del proprio PIL (circa 58 mld);
  4. L’Algeria utilizza circa il 6,7% del proprio PIL (circa 8,8 mld);
  5. Il Kuwait utilizza circa il 6,5% del proprio PIL (circa 8,8 mld).

Fonti: Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma (SIPRI)

Cosa ne pensi? La Spesa italiana per gli armamenti è attualmente di circa 26 miliardi di euro. In che gradino della classifica si posiziona, secondo te, il nostro paese? Facci sapere la tua bei commenti!

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla Newsletter