Il 2021 è stato l’anno dei crypto investitori

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram

Il 2021 è stato un anno molto particolare per i crypto investitori: secondo un sondaggio condotto dall’exchange Houbi Group, quasi 7 su 10 detentori di criptomonete, sono entrati nel mercato cripto durante il 2021. Il sondaggio è stato condotto su circa 3000 intervistati ed è stato effettuato nel mese di dicembre, in modo tale da poter avere una analisi quanto più completa e recente.

La ricerca ha rivelato che la stragrande maggioranza delle persone intervistate (il 68%) ha iniziato ad investire nel mercato delle criptovalute durante il 2021; il 23% degli intervistati ha dichiarato di essere entrato in mercato prima del 2021 e solo il 9% più di 4 anni fa.

Un’altra delle particolarità che unisce gli investitori intervistati da questo sondaggio è che il 46% di essi hanno investito una somma iniziale inferiore a 1000 dollari.

Inoltre il 42% degli intervistati ritiene che questa tipologia di investimenti sia molto rischiosa, specificando che il rischio è dato dalla mancanza completa o in parte di regolamenti a loro tutela, sia da parte del settore d’investimento sia da parte dei singoli stati in cui gli stessi operano.

Quel che emerge da questo sondaggio è che la maggior parte dei cripto investitori hanno iniziato in un momento storico particolare: il 2021, causa a pandemia da Covid-19, ha facilitato la diffusione delle criptomomonete, spingendo le persone ad utilizzare sempre meno contanti e aumentando l’utilizzo delle transazioni digitali.

Il direttore della strategia globale della Houbi Group ha dichiarato che le critpovalute hanno ancora molta strada da fare prima di diventare ‘mainstream’: solo con maggiore chiarezza del settore e la regolamentazione da parte delle istituzioni si potrà agevolare l’entrata del resto della popolazione e rendere le criptovalute uno strumento indispensabile e alla portata di tutti.

Secondo te quali sono le altre motivazioni per cui il 2021 è stato l’anno d’oro per i cripto investitori?

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla Newsletter