Il potere delle abitudini: perché sono così importanti e come crearle

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram

formare buone abitudini è un ottimo modo per migliorare la tua esperienza, Le abitudini modellano la tua vita molto più di quanto probabilmente ti rendi conto.

le abitudini sono una forza importante a cui il nostro cervello si aggrappa effettivamente perché crea voglie neurologiche in cui un certo comportamento viene ricompensato dal rilascio di sostanze chimiche “piacere” nel cervello.

Le abitudini modellano letteralmente le nostre azioni quotidiane che diventano più forti più le eseguiamo. Questo processo sposta le abitudini dal prendere decisioni in modo proattivo a diventare sempre più automatico.

Poiché le abitudini si verificano al di fuori dello spettro del pensiero, siamo intrinsecamente incapaci di sapere quanto siano prevalenti e influenti. Le abitudini non sono solo più importanti di quanto crediamo, ma più importanti di quanto possiamo immaginare.

Siamo innescati a fare, e imparare a fare, molte cose inconsciamente in modo da liberare più della nostra attività cerebrale di livello cerebrale superiore per cose importanti, come inventare strumenti di pietra, costruire piramidi e fare iPhone.

Quindi, se vuoi sviluppare abitudini che aiutino a consentire il successo, concentrati sulle abitudini che ti aiutano a eliminare le piccole decisioni che prendiamo ogni giorno. Impegnati in abitudini che vedono quella decisione presa in anticipo. Per esempio:

  • Mi sveglierò alle 6 del mattino ogni giorno (senza premere il pulsante snooze);
  • Questo è quando, dove e come mi allenerò ogni settimana;
  • Questo è ciò che indosserò per lavorare ogni giorno;
  • Per prima cosa quando arrivo in ufficio affronterò un compito importante prima di controllare le e-mail.

Perché è così difficile formare nuove abitudini sane?

Gli scienziati comportamentali che studiano la formazione delle abitudini dicono che molti di noi cercano di creare abitudini sane nel modo sbagliato. Prendiamo risoluzioni audaci per iniziare ad allenarci o perdere peso, ad esempio, senza prendere le misure necessarie per prepararci al successo.

Collegati ad altre abitudini

Il modo migliore per formare una nuova abitudine è legarla a un’abitudine esistente, dicono gli esperti. Cerca modelli nella tua giornata e pensa a come puoi usare le abitudini esistenti per crearne di nuove e positive.

Le nostre routine giornaliere possono essere un buon inizio per creare nuove abitudini, ad esempio dopo esserti lavato i denti la mattina fai qualche esercizio a corpo libero.

Inizia in piccolo.

B.J. Fogg, ricercatore della Stanford University e autore del libro “Tiny Habits”, osserva che i grandi cambiamenti comportamentali richiedono un alto livello di motivazione che spesso non può essere sostenuto. Suggerisce di iniziare con piccole abitudini per rendere la nuova abitudine il più semplice possibile all’inizio. Fare una breve passeggiata quotidiana, ad esempio, potrebbe essere l’inizio di un’abitudine all’esercizio. Oppure, mettere una mela nella borsa ogni giorno potrebbe portare a migliori abitudini alimentari.

Fallo ogni giorno. 

I ricercatori britannici hanno studiato come le persone formano abitudini nel mondo reale, chiedendo ai partecipanti di scegliere una semplice abitudine che volevano formare, come bere acqua a pranzo o fare una passeggiata prima di cena. Gli studi dimostrano che la quantità di tempo necessaria affinché il compito diventasse automatico – un’abitudine – variava da 18 a 254 giorni. (dipende dal soggetto e dalla complessità dell’azione)

Abbatti le barriere di entrata

I ricercatori di abitudini sanno che abbiamo maggiori probabilità di formare nuove abitudini quando eliminiamo gli ostacoli che si frappongono sulla nostra strada.

Se decidi di fare una corsetta tutte le mattine, inizia posizionando le scarpe da ginnastica vicino al letto la sera prima, ti sarà piú semplice la mattina seguente.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla Newsletter