Il primo passo per diventare ricchi. Il budgeting

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Fare budgeting è importante per poter avere successo nella vita. Avere il controllo di quanto si guadagna e quanto si spende è un ottimo punto di partenza per risparmiare e porsi obiettivi economici di medio e lungo termine. Sapere come spendiamo i nostri soldi, e conoscere bene le abitudini economiche, consente di capire quali siano le spese fondamentali e quali no, così in base alle entrate mensili iniziare a programmare dei risparmi. Tutto questo è fare budgeting, ossia creare un bilancio personale ben strutturato, rendicontando e pianificando spese e costi, per assicurarsi uno stile di vita economico sostenibile.

Cosa è il budgeting?

È il processo per gestire e pianificare in modo strategico i costi. Il termine è di solito usato in ambito aziendale, settore da cui nasce, e rappresenta l’insieme di conoscenza dei guadagni e di definizione di strategie per far rientrare le spese in bilancio o comunque pianificare traguardi economici. Deriva appunto dalla parola “budget” con cui spesso si intende il “bilancio preventivo”, ossia il documento che aziende ed enti pubblici stilano per l’anno successivo o in corso, valutando quindi con anticipo come gestire ricavi e costi.

Dal budgeting aziendale a quello personale.

Negli anni il termine è stato trasportato dall’ambito aziendale a quello personale, per indicare il bilancio e quindi la “cassa” di una famiglia o di una persona. Il passo per rappresentare anche il budget personale, riferendosi alle spese che ogni persona sostiene in rapporto con le proprie entrate, insomma è stato breve. Per far sì che questo rapporto dia il via a una vita economica sostenibile, interviene il budgeting che può essere considerata la tecnica per pianificare ricavi e costi con lo scopo di avere un quadro chiaro delle entrate e delle uscite e quindi risparmiare, limitando magari le spese che risultano non essenziali.

Perché il é importante?

Consente di avere il controllo del proprio bilancio personale e, nel caso non sia soddisfacente, di cambiare le proprie abitudini economiche. Per farlo è necessario conoscerle bene: un primo passo fondamentale per capire dove è possibile apportare modifiche senza rinunciare a servizi o spese che si ritengono fondamentali. Questo, quindi, per poter risparmiare, raggiungere una situazione economica stabile e, perché no, poter accantonare parte dei risparmi in un fondo di sicurezza o per nuovi progetti. Non tutti, infatti, riescono a farlo in automatico. Anzi le persone che ci riescono senza l’aiuto di app o altri strumenti tecnologici ormai sono pochissimi. Per questo sono diverse le tecniche che si possono mettere in pratica per scoprire dove tagliare le spese senza incidere sulla qualità della vita.

Come fare budgeting?

Le tecniche, appunto, sono diverse. Tutte partono però da un principio: sapere bene quali sono le proprie entrate e le proprie uscite mensili per poterle controllare. Quindi è importante avere in testa uno schema chiaro di quanto e per cosa si spende ogni giorno. Per farlo è possibile scriversi tutto su un foglio o aiutarsi con modelli di calcolo elettronico, come i fogli Excel o App pensate per elencare le spese come la nostra. Tra i consigli delle varie tecniche quella di suddividere con metodo e rigore le voci di spesa a seconda della necessità. Solo da questa conoscenza del proprio comportamento economico mensile, si può partire per valutarlo e nel caso modifico. Quindi capire dove e come pianificare una strategia di risparmio.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Potrebbe interessarti anche:

One thought on “Il primo passo per diventare ricchi. Il budgeting”

  1. Apprezzo molto i tuoi articoli Riccardo; Chiari, concisi e completi. Li Apprezzo perché si vede che sono frutto di passione e formazione.

    Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter