Inflazione ai massimi: ecco che c***o è successo nel 1971

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Il governo degli Stati Uniti sta stampando sempre più enormi quantità di dollari. Alcune stime mostrano che >20% del dollaro USA circolante è stato stampato nel 2020, mentre altri sottolineano un aumento ancora maggiore del 40% dei dollari USA stampati negli ultimi 12 mesi. Il debito e l’inflazione sono in aumento, con crescenti timori per il futuro del dollaro. Addirittura il 70% dei dollari in circolazione sono stati stampati dopo la nascita di Bitcoin

In questa immagine si vede chiaramente la disuguaglianza sia cresciuta negli ultimi anni, l’inflazione sia salita alle stelle e come la gente comune venga prezzata fuori dalle case e dalle azioni a causa della bassa crescita dei salari.

prezzo unitario per lattina di polpa di pomodoro

Il costante aumento di denaro in circolazione porta un aumento delle materie prime e dei titoli in borsa, arricchendo la popolazione più a discapito di quella più povera.

Come si vede chiaramente da questa immagine l’1% della popolazione più ricca ha tratto notevoli benefici dopo il 1971

Gold standard

Per capire l’attuale sistema monetario dobbiamo tornare indietro di un secolo, quando in USA venne adottato il Gold Standard (1900)

Il Gold Standard System (o monometallismo aureo) era il regime monetario con cui i governi fissavano il valore della moneta nazionale al valore dell’oro.

Ogni nazione fissava il prezzo dell’oro e legava le monete e banconote con corso legale a tale valore. Grazie al gold standard le banconote che venivano stampate erano legate all’effettiva quantità d’oro che lo Stato possedeva. In questo modo si evitavano un’eccessiva inflazione (non si potevano stampare più banconote di quanto oro fosse detenuto dalle banche Centrali) e i danni della deflazione, garantendo, nella teoria, un sistema economico stabile.

Il sistema monetario fiat utilizzato oggi si basa solamente sulle fluttuazioni di prezzo praticate sui mercati valutari al momento del cambio. Da un punto di vista della garanzia, non vi è più un metallo fisico custodito nei caveau delle banche che garantisce la validità e il valore delle banconote circolanti e della liquidità posseduta.

Cosa è successo nel 1971?

50 anni fa Nixon coordinò la fine della convertibilità del dollaro USA in oro, mentre implementava controlli sui salari / prezzi con l’intenzione di proporre soluzioni per una combinazione di una corsa all’oro internazionale e un problema interno di inflazione. Questa nuova politica significava fondamentalmente la fine del sistema di Bretton Woods. Da questo momento in poi il dollaro americano non sarà più legato a nessun sottostante.

Una mancanza nell’aumento della retribuzione oraria / salari verso produttività / PIL sarà più evidente, seguita da evidenti segni di inflazione dei beni per la casa e degli immobili.

Tutte le immagini sono prese dal sito WTF Happened In 1971?

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter