INPS online: cambiano le modalità di accesso

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

A partire dal mese di ottobre 2020, sono cambiate le modalità di accesso al sito del tanto amato INPS: d’ora in avanti infatti, la piattaforma online non rilascerà più i PIN per accedervi ma sarà obbligatorio l’utilizzo del sistema pubblico di identità digitale (SPID), il quale tral’altro permette di accedere ad una vasta scelta di procedure amministrative personali. Clicca qui per leggere l’articolo su come attivare lo SPID

Questa è una fase transitoria per coloro che sono già in possesso del PIN, precedentemente impiegato, infatti il passaggio avverrà in modo graduale: dopo la data di scadenza del PIN e la fase transitoria, anch’essi dovranno accedere mediante l’uso dello SPID.

Solo per i minori di anni diciotto, le persone senza documenti di identificazione italiana o persone particolari soggette a tutela o sostegno potranno continuare ad utilizzare il PIN. 

Rimangono comunque validi gli accessi alla piattaforma INPS mediante la Carta d’Identità Elettronica (CIE) e la Carta Nazionale dei servizi (CNS).

SPID quindi diventa uno strumento sempre più importante e necessario, ormai infatti ogni piattaforma amministrativa online richiede l’utilizzo della piattaforma: se ancora non sai cosa sia, come si richiede e come si utilizza, ecco l’articolo in cui ti spieghiamo tutto.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter