La fatica di prendere le decisioni ti porta alla paralisi? Ecco alcuni consigli per superarla

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Quante volte siete rimasti paralizzati di fronte a una scelta, o avete sentito qualcuno dire di non essere capaci a prendere decisioni. Sin dal momento in cui ci svegliamo, la nostra giornata è scandita da un flusso continuo di scelte. Molte sono di poca importanza (indosso la camicia verde o la camicia rossa?), altre sono cruciali (cambio lavoro o resto dove sono?). Quando ci troviamo a dover scegliere tra troppe opzioni, tendiamo a sentirci sopraffatti, ansiosi, stressati o comunque a disagio. Se anche tu hai provato questa sensazione non sei il solo? Il fenomeno è chiamato “fatica della scelta” o “fatica decisionale”, uno stato di stress mentale che può ostacolare la nostra capacità di fare scelte razionali.

Secondo l’American Psychological Association quasi un terzo degli adulti e quasi la metà dei millennial fatica a prendere decisioni base, come cosa mangiare o indossare. Per una persona su due pianificare il futuro sembra impossibile.

Anche se non ne hai mai sentito parlare della fatica della scelta probabilmente l’hai sperimentata, soprattutto durante la pandemia, che ha aggiunto un nuovo livello di complessità alle decisioni quotidiane.

Molti aspetti della vita che prima non richiedevano alcun pensiero o sforzo, ora necessitano di molta pianificazione. Nel mondo post Covid è aumentata l’incertezza e ciò rende la quotidianità più difficile. Potrò andare in un locale con sicurezza se la prossima settimana non posso mancare un appuntamento di lavoro? Posso organizzare un viaggio? E se sì, cosa mi serve per partire?

Covid a parte, il processo decisionale è impegnativo in qualsiasi circostanza: bisogna considerare le nostre preferenze e il modo in cui sono collegate con i nostri obiettivi e valori, ci sono passaggi che richiedono calcoli costi-benefici non sempre agevoli.

Si tratta di un processo mentale che può diventare logorante. Quando la fatica decisionale entra in gioco e si rimane bloccati su un problema, ci si sente come se non si avesse più la capacità di prendere altre decisioni. Questo può causare la paralisi decisionale, che porta le persone a evitare completamente determinate scelte, o di affidarsi al “porto sicuro” della scelta predefinita.

La paralisi decisionale può avere delle conseguenze a cascata sulla nostra vita quotidiana, anche difficili da cogliere. L’incapacità di prendere una decisione importante può rendere complesse anche le molte scelte semplici che affrontiamo tutti i giorni. Può rendere, per esempio, più difficile esercitare l’autocontrollo quando si tratta di mangiare, bere, allenarsi o fare shopping.

Ma come riuscire a evitare la trappola della fatica decisionale? Ecco alcuni consigli.

Dormici su. Il sonno è un potente alleato. La fatica della scelta tende ad accumularsi nel corso della giornata. Il sonno ripristina l’energia. La sensazione di chiarezza che si ha al mattino è legata soprattutto a un migliore stato psicofisico.

Automatizza le scelte: molte delle decisioni che prendiamo possono essere evitate grazie all’automazione. Alcuni semplici modi per farlo? Quando vai a fare la spesa (o ordini la spesa a domicilio), usa una lista base in cui includi i prodotti che ti servono sempre. Adotta delle consuetudini per scegliere dove andare a mangiare, cosa bere al bar, cosa leggere. Fissa degli appuntamenti fissi nel tuo calendario da dedicare a certe attività (esempio faccio shopping una volta all’anno con i saldi, così da non essere tentato dalla scelta di acquisto). Dotati degli strumenti tecnologici che ti possono supportare (per esempio utilizza le mappe del cellulare per scegliere il percorso da seguire, l’applicazione del meteo per scegliere come vestirsi).

Fatti aiutare. Quando si tratta di prendere decisioni importanti o particolarmente impegnative ottenere un parere può aiutare. Chiedi a qualcuno di cui ti fidi di aiutarti a elaborare il tuo pensiero. Può essere utile l’opinione ma anche semplicemente condividere la tua incertezze e le tue ansie.

Relativizza le tue aspettative. Se hai bisogno di un nuovo telefono, non devi per forza trovare essere il miglior modello in circolazione a un buon prezzo. La maggior parte delle decisioni hanno un impatto molto relativo sulla nostra vita e possono comunque essere revocabili

Calmati. Quando prendi una decisione dopo l’altra, è facile finire con l’affaticamento cognitivo. Ecco perché è importante darsi il tempo di riposare e recuperare durante il giorno e interrompere le attività in modo da non essere mentalmente sempre attivi. Se hai avuto una giornata impegnativa piena di molte decisioni, rimanda le scelte a un altro giorno, se puoi.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter