Le 5 migliori idee per investire la “Busta di Natale”

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

I contanti che ha regalato la nonna sono un tesoretto che non va sprecato. Ecco come

La “busta di Natale” è arrivata a tutti. Prima o poi una nonna, uno zio o un parente a corto di idee ha preferito ripiegare sui classici, vecchi e amati contanti. Per anni però quei soldi li avete lasciati nel barattolo nascosto sulla mensola più alta della cameretta, pronti per essere spesi nelle feste dei primi mesi dell’anno o per qualche vestito improbabile e mai indossato. Dimenticatevi di tutto questo. Anche le piccole cifre cash, appena qualche centinaio di euro, possono essere investite e fatte fruttare. Questo è il nostro regalo di Natale: 5 modi per spendere bene la “busta della nonna”.

Un buono nella libreria vicino a casa

Non è la semplice decisione di spendere i soldi dei regali di Natale, ma un vero investimento. Aprire un conto in libreria o comprare un buono, ogni negoziante ha le sue modalità, è una scelta precisa perché con 200 euro di libri ci si può garantire spunti per crescere o cambiare la propria vita in modo radicale. L’idea di leggere più libri potete metterla tra i buoni propositi per l’anno nuovo, ma se i soldi sono già stati messi sul conto sarete stimolati a spenderli e assicurarvi così la dose di cultura necessaria per ottenere la promozione cui ambite. O magari anche lo spunto giusto per cambiare il vostro stile di vita e iniziare a guadagnare di più, ad esempio quesi libri possono essere un ottimo spunto. Se invece state ancora studiando scegliere un buono in libreria è il modo migliore per sfruttare il tempo che poi non avrete quando inizierete a lavorare: leggere libri di ogni tipo, dai romanzi ai saggi, slegati ai propri studi, ma nel periodo della formazione è la strategia più efficace per mettere da parte quella cultura che poi farete sempre più fatica a incamerare in futuro.

E non è solo una scelta saggia per voi: sostenere le librerie del quartiere o del vostro paese è fondamentale. Si stanno mettendo insieme per cercare di resistere ai colossi dell’online, ma restano uno dei pochi presidi culturali nelle città, anche come quest’anno quando molti luoghi dell’arte sono stati chiusi. Non sottovalutate i loro consigli quando dovete comprare un libro, farvi guidare dai librai potrebbe rivelarsi la decisione migliore.

Un corso per crescere

Molto probabilmente avete sempre pensato che i regali e, ancor di più, i soldi ricevuti in regalo vadano spesi in qualcosa di dilettevole. Invece il ragionamento che vi proponiamo è un po’ diverso, anche se come diciamo spesso l’unico modo per avere successo è fare qualcosa che ci appassioni e quindi anche un corso per migliorare può diventare dilettevole. Online potete trovare davvero di tutto: piattaforme come Udemy e Coursera possono essere quello che fa al caso vostro, ma anche qui la scelta di sostenere gli istituti, ad esempio per imparare una nuova lingua o migliorare in cucina, che ci sono nella vostra città non è affatto un errore.

Coursera propone corsi, organizzati in collaborazione con le migliori università del mondo, che costano dai 50 ai 100 dollari e permettono di ottenere una certificazioni. Per le specializzazioni, proposte attraverso abbonamenti mensili, si spende dai 40 agli 80 euro al mese invece. La piattaforma Udemy propone oltre 130mila corsi, alcuni gratuiti, ma come sempre quelli a pagamento garantiscono livelli superiori. Il listino prezzi viene stabilito dall’insegnante del corso. Tuttavia, sia gli insegnanti, sia Udemy possono offrire sconti sui corsi in ogni momento.

Dall’altra ci sono le lezioni, in presenza o da remoto, organizzate da istituti di lingua, ma non solo presenti nelle città. Per esempio si può fare un corso di fotografia di base con meno di 200 euro. Più o meno alle stesse cifre si può imparare a usare i programmi di montaggio video più gettonati.

Il programma per fare il salto di qualità

Dipende quanti parenti sono a corto di idee, e anche quanto sono stati generosi con te. In ogni caso, che sia il primo tassello per l’acquisto o la cifra intera, per ogni lavoro ci sono programmi o strumenti che possono migliorare le prestazioni e fare quel salto di qualità indispensabile per chi vuole crescere e guadagnare di più. Pensiamo ad esempio alle opportunità che offrono i programmi Adobe, dal montaggio con Premiere alla fotografia con Photoshop, passando per l’impaginazione con InDesign. Eppure molti sono costretti a lavorare con le versioni trial. Per non parlare di macchine fotografiche, videocamere e droni: acquistare un modello di qualità superiore può fare davvero la differenza. E lo stesso vale per le passioni che ognuno di noi coltiva nel tempo libero. Dal nuovo paio di sci, passando per l’attrezzatura da sub, ma anche per una nuova mazza da golf o una bici più leggera. Le soluzioni per migliorare sono a portata di mano e se si cerca l’offerta giusta con la busta della nonna si può far quel salto che si aspettava da anni. Un’alternativa, ma se davvero hai già soddisfatto tutte le altre voci che ti suggeriamo, può essere ragionare sull’acquisto di un nuovo computer o un nuovo smartphone se i tuoi sono troppo lenti. Su siti come “Trendevice” (Clicca qui se vuoi leggere la recensione completa) si possono trovare offerte interessanti e portarsi a casa degli strumenti ottimi per il lavoro o il tempo libero che ci liberino del nostro “vecchio macinino” proprio con cifre simili a quelle che potresti aver incassato questo Natale.

Rendi la tua vita più semplice

Questo è un vero regalo. Non ci pensiamo mai, ma abbiamo tutti delle situazioni quotidiane che sono complesse, scomode o ci fanno perdere tempo. Con un piccolo investimento però possiamo cambiarle, rendendo la nostra vita più facile. E questo è uno dei modi migliori per spendere la “busta della nonna”. Pensa ad esempio agli strumenti per organizzare meglio la tua postazione di lavoro e studio: che sia a casa o in ufficio avere un kit per scrivania più confortevole può migliorare di molto la tua giornata e far crescere le tue performance. Su Amazon ci sono scrivanie e workstation sotto i 100 euro e una sedia ergonomica per smettere di avere mal di schiena si può trovare anche a 80 euro.

Non c’è solo il lavoro, ma anche il modo di raggiungerlo. Così comprare una bici (se vuoi sapere quali sono le migliori bici eletttriche clicca qui) può dimezzare il tuo tempo di viaggio se lavori in città, ma un po’ come fatto con i libri può essere un’ottima idea acquistare dei buoni taxi. La maggior parte delle cooperative che gestiscono il servizio taxi delle città italiane prevedono questa possibilità. Molti pensano sia un lusso eccessivo, ma può essere la strategia migliore per ottimizzare il tempo dei trasporti casa-lavoro. Qualcuno guida per te. Ma anche avere un mezzo sempre a disposizione può essere una buona scelta: quindi perché non fare abbonamenti al Car Sharing, come quelli proposti da Enjoy o Car2Go, ma anche ai tanti operatori che propongono motorini elettrici (MiMoto ad esempio) o monopattini (Helbiz o Lime).

Il primo passo per l’investimento sul mercato

Se siete arrivati fin qua e non vi siete ancora convinti allora vi diamo le ultime dritte. Prima però pensateci bene: davvero non c’è nulla di quello che vi abbiamo consigliato che possa esservi utile e che ancora non avete? Ottimo allora potete anche usare cifre come quelle della “busta della nonna” per investire, ma occhio alle opportunità. Vi abbiamo già dato in passato dei consigli su come fare per iniziare a investire (clicca qui per vedere tutti gli articoli sull’investimento), ma qualche suggerimento fa sempre bene. Il 2020 è stato un anno straordinario per alcuni titoli e disastroso per altri: con una crisi globale in corso i settori anticiclici hanno tenuto e in alcuni casi sono cresciuti. Ma per tecnologici e i vincitori dell’economia del lockdown i prossimi potrebbero essere penalizzati, mentre i titoli ciclici – ovvero quelli il cui valore è legato all’andamento dell’economia – hanno oggi valutazioni più invitanti. Potrebbe essere uno spunto per decidere dove investire pensando a un graduale ritorno alla normalità – se si hanno le competenze – o per iniziare un rapporto con un consulente professionista, per chi è davvero alle prime armi.

Un’idea sempre valida, anche se si è giovanissimi è guardare al futuro più remoto: cioè investire in un fondo pensione. La previdenza integrativa premia che inizia prima e permette anche di risparmiare sulle tasse. Anche una somma piccola se investita in giovane età può fare veramente la differenza su un orizzonte temporale molto lungo. E la busta del Natale 2020 potrebbe essere la base per ciò di cui avrete bisogno tra quarant’anni.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter