Nomadi digitali: come fare business e vivere in riva al mare

nomadi digitali
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lavorare ovunque grazie a internet e alle nuove frontiere del web. Poi spegnere il computer e ritrovarsi sul lettino in spiaggia o immersi tra le bellezze in giro per il mondo. Sono i nomadi digitali, nuova categoria di lavoratori smart che hanno fatto di indipendenza e flessibilità una vera e propria filosofia di vita. Che siano freelance, imprenditori, programmatori, traduttori o copywriter, coniugano la possibilità di lavorare a distanza e la libertà di viaggiare e seguire le proprie passioni.

Chi sono i nomadi digitali

I nomadi digitali sono coloro che scelgono un lavoro a distanza che permette di guadagnare abbastanza da poter vivere la vita senza vincolare la propria presenza a un luogo preciso. Questo è possibile grazie alla tecnologia che permette di essere “in presenza” anche da uno sdraio in riva al mare, lavorando come imprenditori di se stessi o per un’azienda. Si parla di una nuova generazione di professionisti che ha deciso di abbandonare il classico lavoro da 8 ore e cartellino, per optare su orari flessibili e assecondare i propri ritmi, sia in termini di produttività sia di ambizioni. E può farlo ovunque.

Quali sono i requisiti per diventare nomadi digitali

Innanzitutto tecnologici, anche se è sempre più facile soddisfarli. Grazie allo sdoganamento del lavoro “smart”, che è inteso ormai come lavoro da remoto, e quindi all’ampliamento delle opzioni tecnologiche per garantirlo, è infatti sufficiente avere un computer, magari portatile, e una connessione funzionante, che permetta anche accedere a programmi di interconnessione e cloud per lavorare in modo autonomo o collaborare con altri. Non sono richieste competenze specifiche, molti lavori oggi permettono di essere efficienti anche a distanza, quindi ognuno può scegliere quello più in linea con passioni o capacità, l’importante è che consentano fonti di reddito completamente raggiungibili da remoto. Per questo è importante saper gestire il proprio business e adeguare lo stile di vita ai mezzi.

Le località più gettonate per i nomadi digitali

Ci sono paesi che sono considerati più appetibili. I criteri sono diversi, dalla potenza della rete internet al costo della vita, alle realtà fiscali, alle possibilità di collegamento con altri paesi, ma anche le tutele femminili o per le famiglie, le opportunità per i più piccoli o la diffusione delle lingue straniere, in primis l’inglese. Tra le mete preferite, la spiaggia batte tutte le opzioni. La Spagna, e in particolare le isole Canarie, restano tra i luoghi più scelti per modificare completamente il proprio stile di vita, dove infatti è estesa la community. Nella seconda isola, Gran Canaria, l’hub digitale è tra i più grandi al mondo. L’idea di poter lavorare e poi rilassarsi in un paradiso terrestre è il motivo principale per cui è scelta. Segue, sempre nell’immaginario del cocktail e lettino in spiaggia, Madeira in Portogallo. Ancora c’è Bansko in Bulgaria e Bali in Indonesia. Diverse anche le località della Thailandia.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Potrebbe interessarti anche:

2 thoughts on “Nomadi digitali: come fare business e vivere in riva al mare”

  1. Una volta, parecchi anni fa , quando ancora non si parlava di lavoro con Internet.

    Pensai che il mio sogno di vita, sarebbe stato quello di cambiare città in cui vivere almeno ogni anno .

    Che sia giunto il momento storico giusto ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter