Prestito: quando conviene chiedere uno e quando non conviene

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

 

Non c’è una regola precisa che ci permette di capire quando è conveniente chiedere un prestito o un finanziamento. Ogni persona ha la sua storia e ogni caso è differente dagli altri, tuttavia esiste qualche domanda che può schiarire le idee e farci capire se può avere senso e portare profitto oppure no.

Ovviamente ogni prestito dovrà essere saldato pagando degli interessi, se non sei in grado di ripagarlo NON chiedere il prestito. Questa è la prima regola. Se si ha uno stipendio di 1200/1300€ sarà difficile pagare 300€ al mese per poter sanare il debito. Capite bene che siamo di fronte ad 1/4 dell’intero ammontare di uno stipendio. È opportuno fare tutte le considerazioni del caso e capire se saremo in grado di sostenere una spesa simile.

La seconda domanda che ci dobbiamo porre è la seguente: Posso ottenere più vantaggi investendo subito (e pagare poi gli interessi) oppure aspettare di avere i fondi necessari?

 

Facciamo un esempio

Mettiamo caso che dobbiamo acquistare dell’attrezzatura che ci servirà per lavorare. Paghiamo il tutto 1.000€ con un interesse del 5% per un totale di 1.050€. Grazie al prestito potremo ottenere lo strumento 3 mesi prima. Durante questi 3 mesi di lavoro, riuscirò a trarre un profitto maggiore di 50€? Se la risposta è si allora potrebbe essere una buona idea chiedere questo prestito. Se la risposta invece è no, conviene aspettare 3 mesi e pagare l’attrezzatura di tasca nostra, così facendo risparmieremo.

Anche nel mondo degli investimenti vale la stessa regola. Se volessimo chiedere un finanziamento per investire i soldi ricevuti dobbiamo chiederci se l’investimento che faremo renderà più della percentuale che ci richiede il prestito. Facciamo un altro esempio: chiediamo 10.000€ per investirli nei mercati azionari con un interesse del 4%. Se i mercati porteranno un guadagno superiore al 4% potrebbe essere una buona idea. Se gli interessi richiesti superano il profitto che potremmo ottenere non conviene prendere i soldi, sarebbe più proficuo non richiedere il prestito.

Quando è il caso di prendere un prestito personale

C’è un’altra domanda molto importante che merita di ricevere una risposta. Si tratta di una spesa o di un investimento? Se abbiamo a che fare con una semplice spesa, allora un prestito potrebbe non essere la strada migliore. Per esempio potremmo sistemare la nostra liquidità migliorando le nostre abitudini di acquisto oppure rivedendo il nostro bilancio mensile.

In pratica, perché un prestito personale sia davvero vantaggioso, l’importante è che lo facciamo per investire sul nostro futuro.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter