Quanto guadagnano i piloti di motogp?

Guadagni moto gp
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Quando si parla di corse motociclistiche è automatico il collegamento con la MotoGP: non c’è competizione al mondo più importante che questa. A differenza delle altre competizioni sportive, la MotoGP, ha il luogo comune di essere l’unica e sola competizione motociclistica, quando in realtà esistono molte altre categorie, denominate ‘classi’. In passato erano molte più mentre nell’attualità molte di queste sono state soppresse conteggiando unicamente quattro classi, divise in base alla cilindrata e tipologia del motore: Moto-E, Moto2, Moto3 e infine, MotoGP.

Molti sono i piloti che militano in queste categorie e molto diversi sono i loro guadagni tra gli stessi. Gli stipendi dei piloti infatti varia molto a seconda della categoria in cui partecipano, a seconda dei riconoscimenti e trofei che vincono, gli sponsor che hanno e molti altri fattori che determinano l’aumento dei propri incassi. I guadagni netti dei piloti, seppur siano aumentati rispetto agli anni precedenti, non sono comunque ancora paragonabili a quelli dei ‘campioni’ di altri sport, quali basketball o calcio. Questa regola però sembra non valere per i ‘top player’ della MotoGP, i quali guadagni sembrerebbero non aver subito strabilianti variazioni negli ultimi 15/20 anni. Un esempio è quello di Valentino Rossi che nel 2007, il re indiscusso degli incassi nello sport a due ruote, incassava, secondo Forbes, la modica cifra di 22 milioni di euro circa: non molto diverso dallo stipendio di Marc Màrquez, che nella stagione 2021, dovrebbe aggirarsi intorno ai 18-20 milioni di euro. Cifre altissime che rimangono però, come detto in precedenza, legate ai campioni della competizione: il resto dei piloti infatti hanno incassi ben diversi, come visibile in questa lista:

  • M. Màrquez – 18/20 milioni di euro
  • V. Rossi – 10 mln
  • M. Viñales – 8 mln
  • D. Petrucci 2,8 mln
  • C. Crutchlow 2,5 mln
  • A. Rins – 2 mln
  • F. Quartararo – 1,5 mln
  • J. Mir – 1,25 mln
  • A. Iannone – 1,2 mln
  • A. Màrquez – 1 mln
  • P. Espargaro – 1 mln
  • B. Binder – 1 mln
  • I. Lekuona – 1 mln
  • I. Espargaro – 900 mila
  • M. Oliveira – 750 mila
  • F. Morbidelli – 725 mila
  • F. Bagnaia – 650 mila
  • J. Miller – 600 mila
  • J. Zarco – 300 mila

Oltre a questi stipendi bisogna però tenere conto di tutti gli sponsor che i piloti ottengono con le varie società pubblicitarie, che ogni anno rinnovano contratti, aumentando gli incassi degli stessi. Inoltre, vanno aggiunti i bonus gara, le posizioni in pole position e i premi delle competizioni. Quindi questa lista comprende unicamente gli incassi ottenuti dagli stipendi contrattuali che hanno durata annuale, nonché a stagione. E’ facilmente deducibile che gli incassi totali di questi campioni siano molto più alti.

Nella recente lista stilata da Forbes, non figura nessun campione delle competizioni motociclistiche, tra i 10 sportivi più pagati al mondo. L’unico a farne parte e ad essere anch’egli ‘motorizzato’ è Lewis Hamilton, pilota di F1, con 81 milioni di euro di incassi totali (4 volte in più di Màrquez!).

In questo articolo vogliamo ricordare anche la recente scomparsa del giovanissimo, 19 enne, Jason Dupasquier, il quale ha lasciato per sempre la sua moto, la sua famiglia e i suoi fan dopo il grave incidente avvenuto nella sessione di qualifiche 2 della Moto3 al Gran Premio d’Italia.

Eri a conoscenza degli stipendi dei piloti di MotoGP? Ritieni che siano troppo bassi rispetto alla media degli altri campioni? Raccontaci la tua nei commenti!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter