Risparmiare sull’affitto per gli universitari

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Ecco come ottenere il bonus fuorisede

Il Bonus Affitti per fuorisede è tra le grandi novità della Legge di Bilancio 2021. Il bonus è dedicato agli studenti che sono iscritti alle università statali, ma che studiano lontano da casa ed è valido dal primo gennaio 2021. Si parla di milioni di euro per sostenere il diritto allo studio dei ragazzi anche con un incentivo per pagare l’affitto di una casa diversa da quella di residenza.

Cos’è il bonus affitto per fuori sede e come funziona?

È un contributo che arriverà grazie al fondo per aiutare gli studenti, e quindi le loro famiglie su cui spesso ricade la spesa, con l’affitto. È previsto dalla legge di Bilancio 2021 e possono ambire a ottenerlo gli studenti che, iscritti ad atenei statali, risultino fuorisede e rispettino alcuni requisiti. Per tale incentivo nella manovra sono state stanziate risorse pari a 15 milioni di euro per l’anno in corso, destinate proprio “alla corresponsione di contributi per le spese di locazione abitativa degli studenti fuori sede iscritti alla università statali”.

Quali sono i requisiti per ottenere il bonus affitto?

Nella Manovra finanziaria è stato specificato che bisogna essere uno studente fuorisede e risultare iscritti presso un ateneo statale. Questi requisiti però non sono sufficienti. Per ambire al bonus è necessario possedere un Isee che non superi i 20.000 euro. Inoltre, chi presenta la domanda del bonus non deve già essere destinatario di contributi pubblici per l’alloggio, come le borse di studio degli enti regionali per il diritto allo studio, e non deve risiedere nell’immobile per cui si richiede il bonus affitto.

A chi spetta erogare il bonus?

Il bonus affitto sarà erogato “per il tramite delle università”. Un passaggio necessario per consentire di monitorare il tetto di spesa massima, se si considera appunto che il bonus non può essere sommato ad altre forme di sostegno per lo studio che abbiano come oggetto l’alloggio in cui vive lo studente fuorisede. Restano però alcuni punti da chiarire: spetterà infatti al Ministero dell’università e della Ricerca, con il Mef, prevedere un decreto entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge di bilancio per disciplinare modalità e criteri per l’erogazione.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter