Tutte le notizie più importanti del 2021

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Assalto a Capitol Hill

Il 6 gennaio, quando il Congresso degli Stati Uniti in sessione congiunta si è riunito per certificare la vittoria elettorale di Joe Biden, centinaia di manifestanti a Washington hanno attaccato Capitol Hill (la sede del Parlamento Usa), arrivando a penetrare la camera del Senato, uccidendo un ufficiale di polizia e lasciando sul campo quattro manifestanti.

Gli insorti, composti in gran parte da sostenitori di Trump, hanno causato danni per circa 1,5 milioni di dollari. La mattina stessa il presidente Trump aveva incitato i manifestanti all’azione, sostenendo che le elezioni fossero state truccate dal partito democratico.

Da allora: il 13 gennaio, a una settimana dal termine del suo mandato, Trump è stato messo sotto impeachment – per la seconda volta durante il suo mandato – per “incitamento all’insurrezione”. Finora più di 700 persone coinvolte nella rivolta sono state accusate per vari crimini.

Insediamento di Joe Biden

Joe Biden si è insediato alla presidenza degli Stati Uniti il 20 gennaio, nonostante la legittimità del risultato elettorale sia stata messa in dubbio dall’ex presidente Donald Trump e dai suoi sostenitori, con affermazioni infondate riguardo presunti brogli. La transizione di potere è andata a buon fine nonostante le proteste.

Da allora: il tasso di approvazione del presidente Biden, pari a quasi il 44% a metà dicembre, è sceso tra i più bassi di tutti i presidenti dell’era dei sondaggi. A questo punto del mandato solo Trump aveva un risultato peggiore, secondo FiveThirtyEight. A pesare negativamente è stata la gestione della politica estera, della quale il caotico ritiro dall’Afghanistan è stato il simbolo.

La crociata dei trader per GameStop

A gennaio, i seguaci del subreddit r/wallstreetbets hanno tentato una manovra speculativa sul titolo GameStop che ha portato alcuni hedge fund (e migliaia di piccoli risparmiatori) a perdere molti soldi. In soli sei mesi, i prezzi delle azioni della società sono passati da circa  5 dollari a quasi 350 dollari dopo che gli utenti si erano dati un appuntamento online per acquistare in massa il titolo. Ciò ha messo in crisi alcuni fondi che avevano posizioni ribassiste su GameStop, i venditori allo scoperto si sono dovuti affrettare per acquistare azioni per coprire la propria posizione facendo salire ancora di più il titolo. Nei giorni immediatamente successivi a quel picco, è stato stimato che i venditori allo scoperto hanno perso 26 miliardi di dollari.

Da allora: l’app di investimento Robinhood si è trovata al centro di polemiche quando ha interrotto la negoziazione delle azioni GameStop sull’app il 28 gennaio. Il prezzo medio delle azioni GameStop nell’ultimo anno è di 165,52 dollari.

Ever Given blocca il canale di Suez

Ever Given, un’enorme nave da carico che trasportava più di 18.000 container, si è arenata nel Canale di Suez il 23 marzo. Per sei giorni, la nave ha bloccato il passaggio di oltre 400 altre navi, fiaccando la già debole catena di approvvigionamento globale. Gli esperti hanno stimato che l’effetto a catena dell’incidente è risultato in un ritardo nella spedizione di 60 giorni medi per circa 60 miliardi di dollari di prodotti.

Sebbene Ever Given sia stato liberato dal canale sei giorni dopo, il 29 marzo, la porta container è stata sequestrata dall’Autorità del Canale di Suez e trattenuta per più di 100 giorni. La somma richiesta dall’Autorità del Canale per il risarcimento era inizialmente di 900 milioni di dollari, ma in seguito è stata ridotta a 550 milioni: le parti hanno poi raggiunto un accordo i cui termini non sono stati resi noti.

L’ascesa degli NFT

La data esatta in cui i non fungible token, o NFT, sono stati lanciati non è chiara. Ma il 2021 può essere considerato l’anno della svolta per questa tecnologia. Il 13 marzo, Christie’s ha venduto la prima opera d’arte NFT, “Everydays: the First 5.000 Days” dell’artista Beeple, per 69 milioni di dollari.

Basandosi sulla tecnologia blockchain, la vendita rappresenta un cambiamento significativo nel modo in cui le persone creano, acquistano e autenticano asset digitali di ogni tipo.

Si tratta di una tecnologia rivoluzionaria, destinata a diventare sempre più importante ora che le attività e la vita delle persone si stanno spostando sempre più nel mondo digitale.

La corsa allo spazio dei miliardari

Quest’anno Elon Musk, Jeff Bezos e Richard Branson hanno ingaggiato una sfida per dominare il settore del turismo spaziale. L’11 luglio Branson è diventato il primo civile a raggiungere lo spazio a bordo della propria navicella spaziale. Branson ha raggiunto un’altitudine di 85 km dal suolo, tre miglia al di fuori dell’atmosfera terrestre.

Nove giorni dopo, un volo di Blue Origin, con Bezos a bordo, ha raggiunto un’altezza di 107 km sopra la superficie terrestre. Infine, la società di Elon Musk SpaceX ha lanciato la rivoluzionaria missione Inspiration4 il 15 settembre, durante la quale quattro civili hanno trascorso tre giorni in orbita senza astronauti addestrati a bordo. Ogni spedizione ha portato l’umanità un passo più vicina ai viaggi spaziali commerciali. Da allora Virgin Galactic ha venduto 700 biglietti (a 450.000 dollari l’uno) e Blue Origin ha incassato 100 milioni di dollari da potenziali viaggiatori, anche se il prezzo per biglietto non è stato rivelato.

I talebani conquistano l’Afghanistan

Il 31 agosto, gli Stati Uniti hanno ritirato le ultime truppe dall’Afghanistan, a seguito di un accordo raggiunto dall’amministrazione Trump per porre fine alla guerra dopo 20 anni. In 10 giorni i talebani hanno ripreso il controllo del Paese, prima ancora  che le truppe americane avessero completato la loro evacuazione.

Circa 65.000 rifugiati afgani sono stati evacuati. In Afghanistan, ora chiamato Emirato islamico dell’Afghanistan, molte delle libertà guadagnate negli ultimi due decenni sono state annullate e sostituite dalla legge della sharia.

Elezioni in Germania, vincono i socialdemocratici

Il 26 settembre si sono svolte in Germania le elezioni federali per eleggere i membri del 20° Bundestag. La cancelliera Angela Merkel, eletta per la prima volta nel 2005, ha scelto di non ricandidarsi, ponendo fine a una fase politica lunga 16 anni. Con il 25,7% dei voti, il Partito socialdemocratico tedesco (SPD) ha registrato il suo miglior risultato dal 2005 ed è stato primo partito per la prima volta dal 2002.

La CDU/CSU, il partito della Merkel che aveva governato in coalizione con i socialdemocratici dal 2013, ha registrato il suo peggior risultato di sempre con il 24,1%, un calo significativo dal 32,9% nel 2017. I verdi hanno ottenuto il miglior risultato della loro storia al 14,8%, mentre il Partito Democratico Libero (FDP) ha ottenuto ha chiuso sull’11,5%.

A seguito di complessi colloqui di coalizione, SPD, FDP e Verdi hanno formalizzato un accordo per formare un’inedita coalizione di governo. Il socialdemocratico Olaf Scholz guiderà il governo nel ruolo di cancelliere.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter